Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘A.S. Roma’

logoCome scrivevo qui, il mio Tifoso della Roma non vuole andare quasi mai a vedere le partite allo stadio. Dice di volerci andare, sembra quasi che pianifichi le trasferte, ma poi dice che porta sfiga, e la guarda sul divano di casa. Al massimo, proprio a voler strafare, va a vedere quelle facili (cioè quelle contro il Siena, il Sassuolo, il Livorno). Però, così dicendo, se la gufa da solo, quindi anche le partite ritenute facili di solito finiscono maluccio (insomma potevan finire meglio).
Tuttavia, nella mia (ancora breve) esperienza di vita con un Tifoso Romanista c’è stata una eccezione, esattamente 5 anni fa. All’epoca vivevo a Torino e in un eccesso di vitalità, mio marito (allora fidanzato) mi ha portato allo stadio a vedere Juve-Roma, sfidando tutte le sfighe. Non poteva scegliere occasione migliore: partita in notturna, un freddo porco come solo a Torino può fare la sera del 23 gennaio. Io quindi mi preparo di conseguenza: collant sotto ai jeans, due maglioni, piumino, stivali, e per concludere guanti-sciarpa-cappello. Mentre ci incamminiamo verso lo stadio (io come il famoso omino della Michelen, il Tifoso Romanista scaldato dal sacro fuoco dell’amore per la Maggica), osservo le persone che trasportano dei fagottini e oggetti simili… aspetta… sono coperte!?!? pile, lana… e piano piano capisco che morirò di freddo. E io che pensavo di essermi premunita a dovere!!
Ma la serata è appena iniziata e non c’è tempo da perdere pensando al gelo che patirò! c’è piuttosto da capire da dove guarderemo la partita. Perché chiaramente abbiamo i posti assegnati, “ma tanto possiamo spostarci, anzi magari riusciamo ad andare in curva con gli ultrà” mi dice il Tifoso Romanista che è ormai in trance da pre-partita e è già partito per la tangente. Ed ecco che, dopo i tornelli, mi trascina verso la curva. Non so come riusciamo a entrare, e improvvisamente mi trovo in mezzo a un delirio di bandiere, botti, fumogeni, cori, che mi sembra di ribaltarmi di sotto. Lui ormai non ci capisce più niente. Però, quando mi scoppia un petardo a mezzo metro che neanche a Kabul mi ero mai trovata in una situazione simile, non ci capisco più niente nemmeno io e scappo. Un poliziotto ci apre il cancello e ci fa uscire. “Solo perché c’è la signora, altrimenti ti facevo rimanere lì!”. Ma per fortuna riusciamo a guadagnarci un posticino tranquillo, in mezzo ad altri romanisti camuffati, e finalmente iniziamo a goderci la partita. Cioè, lui se la gode, io inizio a ibernarmi. Un processo lento ma costante, che mi vede seduta su un seggiolino di plastica gelida, sempre più ferma e bianca, a sbuffare nuvolette di vapore. Intorno a me gente avvolta nelle coperte, col passamontagna, una signora in pelliccia come non ne vedevo dal 1989.
Ora non sto a dilungarmi sui dettagli, tanto li racconterei male. Quello che ricordo è che, verso la fine, la partita era sull’1 pari. Poi, a pochi minuti dalla fine, Riise (un giocatore norvegese che mi stava molto simpatico perché giocava sempre a maniche corte anche quando faceva -5°, come in questa occasione) segna il gol decisivo.
Inutile dire che almeno un quarto dello stadio viene giù, perché a quel punto la partita è finita. Mi giro per guardare la reazione del Tifoso Romanista e… non lo vedo! Che si sia buttato di sotto per abbracciare Riise e tutti gli altri? poi lo scorgo, abbracciato a due signori (presumo Romanisti anche loro), che salta e grida. Corre da me, mi abbraccia, poi corre verso la balaustra, poi si abbraccia con un ottantenne seduto a pochi sedili da noi, che era stato tutta la partita col plaid scozzese sulle gambe, e che adesso salta anche lui dalla gioia.
La folla defluisce pian piano, e io riesco a stento a trattenere la gioia incontenibile del Tifoso Romanista, che vorrebbe attaccare con le sue consuete telefonate fiume al padre e al fratello, come dopo ogni partita. Andiamo a piedi a casa, 4 km di passeggiata per decomprimere, ma cosa vuoi che sia dopo questa immensa gioia?
Io mio marito non l’ho mai visto così felice, neanche il giorno del nostro matrimonio…

Annunci

Read Full Post »

La vita non è sempre facile se hai deciso di passarla in compagnia di un Tifoso della AS Roma. Può anche essere divertente, intendiamoci. Ma anche faticosa.

Iniziamo dal risveglio.
Si comincia la giornata con un vezzeggiativo: ultimamente sono stata chiamata Zemanina (in onore dell’attuale allenatore, naturalmente), oppure Osvaldina (nomignolo dovuto all’autore di uno degli ultimi -e c’è da ammetterlo, spettacolari-gol fatti).
Mi è capitato di essere chiamata anche Risetta (da Riise, ex-giocatore che segnò un gol memorabile in Juve-Roma del 2010). Invece non mi è mai capitato di setirmi chiamare Enriquetta, o Ranierina…si vede che quegli allenatori non sono entrati nel cuore del mio Tifoso come l’attuale.

Il risveglio successivo a un match può essere pieno di gioia o amarezza, a seconda che la squadra abbia vinto o perso. In quest’ultimo caso, il Tifoso non tarderà a pronunciare un ritornello familiare che recita pressappoco così: “che tristezza la vita, uno lavora tutta la settimana e poi neanche una piccola soddisfazione”. Una faccia depressa completa il quadro. Le stesse parole vengono pronunciate al termine della partita, la sera prima, in una specie di mantra buddista. Dopo, il Tifoso si chiude in un silenzio denso di mestizia.

Il Tifoso Romanista è sempre convinto che sia in atto un complotto. Dal momento che la AS Roma per definizione non imbroglia mai (questo sempre secondo il Tifoso), è chiaro che, in caso di fallimento, la colpa è sempre da attribuire alla squadra avversaria o all’arbitro. La Roma perde? la reazione sarà “vabbè ma gli altri hanno imbrogliato”.

Il Tifoso Romanista vorrebbe andare a vedere le partite della Roma allo stadio. Si organizza, pianifica, decide, ma poi, all’ultimo momento, si tira indietro, dicendo che vedere la partita di persona porta sfiga. Quindi dichiara che si sacrificherà per il bene della squadra.

Peraltro, il concetto di sacrificio è estremamente ricorrente: qualcunque cosa fatta, che richieda un minimo di sforzo, è fatta pensando alla Roma. Il Tifoso, insomma, dedica la sua sofferenza alla Roma, e la allevia pensando alla Roma. Tutto questo dovrebbe far vincere la squadra, secondo il Tifoso Romanista.

La vita di un Tifoso è caratterizzata da un alternarsi di alti e bassi, una sorta di depressione cronica dalla quale non si può riprendere facilemente, dal momento che anche i risultati della squadra sono notevolmente altalenanti.

Il Tifoso Romanista vorrebbe chiamare sua figlia “Romina”, vorrebbe arredare la casa con i colori della squadra (mattonelle del bagno comprese), e pianifica le proprie vacanze in funzione dei paesi d’origine dei giocatori. Cosa intendo?

  • 2010: vacanze in Montenegro per rendere omaggio ai luoghi di Vucinic
  • 2011: vacanze in Argentina per omaggiare Lamela
  • e così via…

Mi fermo qui. Credo di aver reso l’idea.

Read Full Post »